Home  ⁄  Notizie ed eventi  ⁄  Forestazione urbana: criteri per la selezione di specie arboree ed arbustive destinate alla mitigazione ambientale

Forestazione urbana: criteri per la selezione di specie arboree ed arbustive destinate alla mitigazione ambientale

ultima modifica 12/04/2017 16:40
CRITERI DA SEGUIRE PER UNA CORRETTA SELEZIONE DI SPECIE ARBOREE E ARBUSTIVE ORNAMENTALI SULLA BASE DEI SERVIZI E DELLE FUNZIONI CHE ESPLETANO NELLA MITIGAZIONE AMBIENTALE

L’approccio ecosistemico di misura dei benefici del verde urbano integrato a strategie di qualità ambientale consente di identificare il tipo e la composizione della vegetazione che massimizza la complessiva qualità ambientale.

La scelta della specie da utilizzare in ambiente urbano è sempre un compromesso; non esiste, infatti, l’albero perfetto che risponda a tutti i criteri richiesti per un sito specifico: bellezza, profondità dell’apparato radicale, tolleranza agli stress biotici e abiotici, rapida crescita, bassa emissione di sostanze organiche volatili (VOC), elevata capacità di mitigazione ambientale, etc.

Per questo una corretta scelta delle specie da inserire in un determinato contesto ambientale dipende dall’obiettivo primario che si vuole raggiungere, quale ad esempio:

  1. Sequestro di CO2: focalizzare la scelta su essenze con un’elevata o media capacità di sequestro di CO2 permette di ottenere i migliori risultati di compensazione della CO2 derivante dalle attività antropiche.
  2. Assorbimento potenziale di inquinanti gassosi: in ambiente urbano, generalmente caratterizzato da elevate concentrazione di inquinanti gassosi, è sempre bene favorire alberi che hanno valori potenziali medio/alti di assorbimento di gas.
  3. Cattura potenziale delle polveri: in ambienti caratterizzati da un elevato inquinamento da polveri sottili è consigliabile favorire quelle specie arboree che presentano valori potenziali medio/alti di cattura delle polveri.
  4. Emissione di VOC e potenziale di formazione di ozono: in aree inquinate, quali quelle urbane o industriali caratterizzati da elevate concentrazioni di ossidi di azoto, è buona pratica scegliere specie a bassa o nulla emissione di VOC. Siccome è fondamentale non perdere la biodiversità nemmeno in ambito urbano, si consiglia solo di limitare l’utilizzo su vasta scala di quelle specie che invece presentano elevata emissione di VOC e che quindi potrebbero incrementare la formazione di ozono.

ABACO DELLE SPECIE VEGETALI ESAMINATE CON RISPETTIVE SCHEDE TECNICHE

Di seguito si riportano le caratteristiche eco-fisiologiche per la valutazione della potenzialità di mitigazione ambientale di diverse specie ornamentali arboree e arbustive utilizzate nelle città.

Per ogni specie sono stati calcolati i valori di:

  1. Sequestro di CO2
  2. Cattura potenziale delle polveri
  3. Assorbimento potenziale di inquinanti gassosi
  4. Emissione di VOC
  5. Potenziale di formazione di ozono

Contenuti correlati

Forestazione urbana: schede