Home  ⁄  Linee di ricerca  ⁄  Sviluppo del territorio e sostenibilità delle produzioni e dell'uso delle risorse  ⁄  Colture energetiche e produzioni no-food

Colture energetiche e produzioni no-food

ultima modifica 20/04/2012 10:59
Colture energetiche e produzioni no-food.

Le colture energetiche sono caratterizzate dall’avere come finalità principale la produzione di energia. Possono essere erbacee, arboree, annuali o perenni. Il prodotto può essere della granella da cui estrarre olio per l’ottenimento ad esempio di biodiesel, o da far fermentare per l’ottenimento di prodotti come bioetanolo, oppure biomassa da convertire in energia attraverso processi chimici, termici e biologici. Molte di loro rappresentano una possibilità per aumentare la sostenibilità di uso del suolo in quanto gli vengono attribuiti diversi benefici ambientali e la possibilità di essere coltivate anche in aree marginali. Le attività di ricerca dell’IBIMET sulle colture energetiche sono volte a valutarne gli scambi gassosi ed i flussi in modo da definirne l’effettiva capacità delle filiere di ridurre le emissioni rispetto all’uso di combustibili fossili, nonché la loro integrazione con gli ordinamenti colturali tipici e tradizionali.