Home  ⁄  Linee di ricerca  ⁄  Ecofunzionalità delle produzioni agricole  ⁄  Strategie per la protezione e il rafforzamento ecofunzionale delle colture  ⁄  Meccanismi di patogenesi, caratterizzazione di sostanze fitotossiche ed espressione dei sintomi fogliari

Meccanismi di patogenesi, caratterizzazione di sostanze fitotossiche ed espressione dei sintomi fogliari

ultima modifica 05/10/2012 16:22
Le ricerche consentono di formulare ipotesi su sostanze fitotossiche prodotte dai patogeni nella fase di colonizzazione del legno, successivamente traslocate alla foglia e implicate nella formazione del sintomo fogliare e di radicali idrossili, promossi dal ferro e anch’essi coinvolti nella degradazione del legno e, probabilmente, nella modulazione del sintomo fogliare.
Meccanismi di patogenesi, caratterizzazione di sostanze fitotossiche ed espressione dei sintomi fogliari

Saggi biologici per la verifica dell’attività fitotossica di sostanze prodotte dai patogeni.

Gli studi condotti in laboratorio, ambiente controllato e campo, sono indirizzati alla definizione dei diversi meccanismi (enzimatici, formazione di radicali, sostanze reattive dell’ossigeno) che intervengono durante la fase di colonizzazione del legno da parte dei patogeni associati al mal dell’esca e alla carie dell’actinidia.

Le ricerche consentono di formulare ipotesi su sostanze fitotossiche prodotte dai patogeni nella fase di colonizzazione del legno, successivamente traslocate alla foglia e implicate nella formazione del sintomo fogliare e di radicali idrossili, promossi dal ferro e anch’essi coinvolti nella degradazione del legno e, probabilmente, nella modulazione del sintomo fogliare.

Definizione di meccanismi non enzimatici di attacco al legno da parte dei patogeni: formazione di radicali idrossili

Studi di laboratorio hanno mostrato la capacità di patogeni dell’Esca della vite e della Carie dell’actinidia di produrre radicali idrossili in presenza di ferro (Fenton reaction) e di poter attaccare cellulose senza l’ausilio di enzimi specifici

Caratterizzazione di sostanze fitotossiche

La caratterizzazione chimico-analitica delle sostanze fititossiche è condotta in collaborazione con il Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta, dell'Ambiente e delle Produzioni Animali, Università Federico II, Napoli e avviene tramite tecniche di estrazione di filtrati di substrati colturali colonizzati dai patogeni, separazione e frazionamento con TLC in linea con colonna cromatografica, e caratterizzazione delle sostanze ottenute.

Attività biologica di sostanze fitotossiche

I saggi biologici sono condotti su pianta ospite e piante o semi test a maggior sensibilità, per la verifica dell’attività fitotossica di sostanze prodotte dai patogeni. I saggi sono realizzati per infiltrazione di foglie in vivo, per assorbimento su piantine, foglie recise e calli, per imbibizione di dischetti di tessuto fogliare, per germinazione del seme.

Meccanismi di patogenesi, caratterizzazione di sostanze fitotossiche ed espressione dei sintomi fogliari

 

 

Meccanismi di patogenesi, caratterizzazione di sostanze fitotossiche ed espressione dei sintomi fogliari

Meccanismi di patogenesi, caratterizzazione di sostanze fitotossiche ed espressione dei sintomi fogliari

Immagine 4

 

PRINCIPALI PUBBLICAZIONI

  • MAZZULLO A., DI MARCO S, OSTI F., CESARI A., 2000. Bioassays on the activity of resveratrol, pterostilbene and phosphorous acid towards fungi associated with esca of grapevine. Phytopathologia mediterranea, 39, 347-365.
  • DI MARCO S., OSTI F., MAZZULLO A., CESARI A., 2001. How iron could be involved in esca fungi development. Phytopathologia mediterranea, 40, 449-452.
  • DI MARCO S., CALZARANO F., GAMS W., CESARI A., 2000. A new wood decay of kiwifruit in Italy. New Zealand Journal of Crop and Horticultural Science, 28, 69-73.
  • DI MARCO S., CALZARANO F., OSTI F., MAZZULLO A., 2004. Pathogenicity of fungi associated with a decay of kiwifruit. Australasian Plant Pathology Journal, 33 (3) 337-342.
  • OSTI F:, DI MARCO S., 2010. Iron-dependent, non-enzymatic processes promoted by Phaeomoniella chlamydospora and Phaeoacremonium aleophilum, agents of esca in grapevine. Physiological and Molecular Plant Pathology, 74 (5-6), 309-316.
  • OSTI F., ANDOLFI A., EVIDENTE A., DI MARCO S., 2012. First studies on the production of phytotoxins by pathogens associated with wood decay of kiwifruit. Atti XVIII Convegno Nazionale SIPaV, Sassari, 24-26/09/2012.