Home  ⁄  Attività  ⁄  Propagazione di specie con interesse ecologico

Propagazione di specie con interesse ecologico

ultima modifica 08/02/2012 16:20
Il laboratorio di coltura in vitro dell’IBIMET ha attivato una collaborazione con il Centro Agricoltura Ambiente “Giorgio Nicoli” per la propagazione in vitro di Aristolochia rotunda nell’ambito di un più ampio progetto mirato alla consevazione della specie di lepidottero Zerynthia polixena.

Il laboratorio di coltura in vitro dell’IBIMET ha attivato una collaborazione con il Centro Agricoltura Ambiente “Giorgio Nicoli” per la propagazione in vitro di Aristolochia rotunda nell’ambito di un più ampio progetto mirato alla consevazione della specie di lepidottero Zerynthia polixena.

La propagazione in vitro della specie vegetale in questione potrà consentire la propagazione di un elevato quantitativo di piante da inserire in ambiente naturale con conseguente incremento del numero delle farfalle.

Aristolochia rotunda (vitro)

Coltura in vitro di Aristolochia rotunda (Foto di Edoardo Gatti)

Ulteriori informazioni:

Il genere Aristolochia conta circa 550 specie distribuite principalmente in tutti i tropici del mondo, regioni subtropicali e regioni moderate. In Italia sono presenti specie spontanee, tutte a fiore piccolo, (A. clematidis, A. altissima, A. rotunda, A. pistolochia, A. longa, A. pallida), diffuse negli incolti e nei boschi,

A. rotunda è un’erbacea perenne con radice tuberosa di grandi dimensioni, globosa o ovale, fusti rampicanti ed eretti, glabri, a volte ramificati, alti fino a 60 cm, le foglie di colore verde, grandi, ovali, abbraccianti il fusto o con un brevissimo picciolo; i fiori, singoli e picciolati, di colore verde, tendente al giallo, sono picciolati e terminano in un monopetalo di colore bruno screziato di porpora, il frutto è una capsula tonda.

Aristolochia rotunda

Aristolochia rotunda (Foto di Gianni Bonini)


Le piante di Aristolochia sono nutrici per i bruchi di un Lepidottero, la Zerynthia polyxena (Denis & Schifermuller,1775), una splendida farfalla con apertura alare di 50-60 mm inserita  nel "Libro Rosso delle farfalle italiane" e nell’Allegato II-IV della direttiva Habitat dell’Unione Europea come "Specie di farfalla diurna minacciata e in progressiva grave diminuzione per cause naturali o per fattori di origine antropica".

Bruco del Lepidottero

Bruco del Lepidottero (Foto di Matteo Chialva)

Zerynthia polyxena

Zerynthia polyxena (Photo of Matt Rowlings)


Links:

http://www.funghiitaliani.it/

http://www.museocieloeterra.org/default.asp?iId=LFILH

http://www.eurobutterflies.com/

Contenuti correlati

Coltura in vitro