Home  ⁄  Attività  ⁄  Coltura in vitro

Coltura in vitro

ultima modifica 22/10/2013 15:04
Il laboratorio di coltura in vitro dell'IBIMET applica la tecnologia della micropropagazione per lo studio e la conservazione di specie vegetali.
Coltura in vitro

Colture in vitro

 

La micropropagazione si basa sulla propagazione vegetativa di piante in condizioni ambientali controllate ed in sterilità, consentendo allo stesso tempo:

  • RAPIDITÀ DI PROPAGAZIONE

  • RIDOTTA NECESSITÀ DI SPAZI

  • OMOGENEITÀ DEL MATERIALE OTTENUTO

Le piantine (microtalee) ottenute in vitro possono essere trasferite in vivo in seguito ad una breve fase di ambientamento.

APPLICAZIONI

La micropropagazione risulta essere un valido strumento nei seguenti ambiti:

Propagazione di specie per utilizzo agricolo e agroambientale. Le opportunità di rapidità di propagazione e di moltiplicazione clonale offerte dalla coltura in vitro possono essere sfruttate in ambito vivaistico. Presso il laboratorio di micropropagazione dell’IBIMET è possibile mettere a punto protocolli specifici a supporto della moltiplicazione di specie sia di interesse commerciale che ambientale.

Salvaguardia della biodiversità. La coltura in vitro consente di instaurare colture di specie vegetali di particolare interesse ecologico e di conservare anche per lunghi periodi il germoplasma in spazi ridotti, consentendo, in caso di necessità, la rapida produzione di un elevato numero di piante da reinserire in ambiente naturale.

Ricerca. La coltura in vitro è inoltre un valido strumento di supporto ed integrazione agli studi sulla fisiologia vegetale e con finalità applicative ben definite. La propagazione clonale e la conseguente omogeneità del materiale ottenuto risultano utili per l'acquisizione di conoscenze ecofisiologiche delle specie studiate.

L’applicazione singola o combinata delle suddette applicazioni consente al laboratorio di coltura in vitro dell’IBIMET di proporsi come partner per attività che spaziano dall’ambito commerciale alla di ricerca di base.

ATTIVITA’

 

CONTATTI

Edoardo Gatti (e.gatti [at] ibimet.cnr.it)

Facebook